Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
Fondazione Slow Food per la biodiversità ONLUS - la Biodiversità è vita
 

AsiO Gusto: la carica dei 500 mila


07/10/13

Si conclude oggi in Corea del Sud, AsioGusto - il primo evento internazionale di Slow Food in Asia - con un bilancio di 500 mila tra visitatori, produttori di piccolo scala e delegati da 40 Paesi di Asia e Oceania, e sotto i riflettori dei più importanti media nazionali.


Sei giorni di workshop, conferenze, mercati contadini e lezioni di cucina, che hanno messo in risalto la diversità gastronomica di questo vasto continenente, segnando un importante punto di partenza per lo sviluppo del movimento Slow Food in tutta la regione.

Asia e Oceania possiedono un ricchissimo patrimonio di biodiversità agroalimentare e molte tradizioni gastronomiche sono strettamente legate alla salute fisica e spirituale, in una concezione olistica molto vicina alla filosofia di Slow Food. In Corea, ad esempio, esistono numerose cerimonie religiose che, nel corso dell’anno, celebrano l’armonia con la terra, il sole, le fasi lunari, le stagioni del cibo.


Slow Food, durante l’evento, ha illustrato il tema della biodiversità con un’Arca del Gusto gigante, costruita in legno. A bordo di questa simbolica imbarcazione, 350 prodotti a rischio di estinzione provenienti da tutto il mondo, parte cospicua di un catalogo internazionale che ne raccoglie ad oggi oltre 1200.

Tra i protagonisti di AsioGusto, anche lo Slow Food Youth Network (SFYN), che ha partecipato con uno stand, una conferenza dedicata alle sue attività in Corea e nel resto del mondo e con due Yorigamu, il nome coreano delle Disco Soup, eventi durante i quali i giovani recuperano verdure scartate dai mercati dei dintorni e le cucinano insieme, ascoltando musica e ballando.

«L’inaspettato numero di visitatori – il doppio rispetto alle nostre più ottimistiche previsioni – per di più in una piccola città come Namyangiu e la reazione positiva, l’energia e l’entusiasmo di questi giorni – ha osservato Kim Byungsoo, agricoltore biologico e Consigliere Internazionale di Slow Food per la Corea del Sud – dimostrano che la gente è pronta a cambiare questo sistema alimentare. L’edizione 2013 di AsiO Gusto è solo l’inizio di un lungo e ci auguriamo fruttuoso percorso…» 

Simone Gie
s.gie@slowfood.it






   
 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab