Slow Food Slow Food Donate Slow Food Join Us
 
 
Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Rassegna Stampa  |  English  English

   
   
 
 
 
 
Fondazione Slow Food per la biodiversità ONLUS - la Biodiversità è vita
 

Tinche…per tutti i gusti!


13/06/13
Il territorio di Ceresole fa parte della zona detta delle "terre rosse" un vasto altipiano di terre argillose che si estende dal Roero alla pianura del Po. Politicamente è inserito all'interno dei confini del Roero, ma come morfologia appartiene al Pianalto di Poirino: né pianura, né collina, lontani dalle terre del Barolo e da quelle generose della Padana. Terreni difficili e poca acqua. Tanto che fino alla trivellazione dei pozzi gli abitanti erano noti come rasatà, i "riarsi" e come unica risorsa idrica in estate avevano le peschiere dove si raccoglieva l'acqua piovana poi usata per il bucato e per abbeverare il bestiame. Dove si poteva si sfruttava il dislivello per irrigare i campi. Proprio per via di questi laghetti artificiali, la tinca gobba è diventato il prodotto simbolo di questo territorio.

 

Ceresole era ben nota per la tinca e fino a qualche decennio fa i ristoranti del paese non erano mai vuoti. Le cucine dei ristoranti erano rifornite dalle tinche locali: tutti gli agricoltori ne allevavano nei loro poderi. La pesca iniziava con i primi caldi, quando le peschiere si svuotavano per l'irrigazione dei campi. Un ciclo testimoniato anche dalla scelta di fare cadere la principale festa del paese a settembre, quando nei laghetti artificiali era ormai rimasta pochissima acqua. Negli anni Cinquanta, però, con le trivellazione dei pozzi le peschiere persero la loro importanza strategica e così anche l'allevamento della tinca.

 

È Giacomo Mosso, ceresolese di nascita e figlio di agricoltori, che nel 1995 rimette in funzione le sue peschiere e nel 1998 arriva la tutela di Slow Food con un Presidio. Oggi Giacomo ha aperto un piccolo laboratorio dove pulisce e confeziona sotto vuoto le tinche che alleva e quelle che riceve dai selezionatissimi agricoltori della zona e che ancora tengono qualche peschiera. Inoltre si appoggia a una gastronomia che prepara le mie tinche con il marchio di Cascina Italia.

 

E, a margine della Fiera della Terre Rosse, organizzata dal Comune di Ceresole, dalla Pro Loco e da altri enti locali, il Presidio della tinca organizza due momenti gastronomici dove poter gustare questo prodotto di qualità. Domenica 16 giugno, a partire delle 12.30, e mercoledì 26 giugno a partire dalle ore 21, la tinca di Ceresole d'Alba ospita gli altri Presìdi Slow Food piemontesi interpretati dai cuochi dell'Alleanza de La Nicchia di Cavour e della Gardenia di Caluso.

 

Il pranzo si tiene presso i locali di Cascina Italia a Ceresole d'Alba (con la possibilità di visitare le peschiere delle tinche).


Per saperne di più
Giacomo Mosso
Tel. 335 5851186

 

Tabaccheria Mosso di Ceresole d'Alba
Tel. 0172 575014

 






   
 
Fondazone Slow Food per la biodiversità ONLUS | Partners Regione Toscana Regione del Veneto
 
 
 

Slow Food - P.IVA 91008360041 - All rights reserved

Powered by Blulab